miha2

09/10/2016 tempo di lettura: 6 min

Torino 16/17 – L’Avvio (Dalla 1a alla 7a)

Categorie : Football & Sports, News

Eccoci tornati a parlare di Toro, dopo diversi mesi!

Come avrete notato, non ho più scritto articoli sul Torino come l’anno scorso in cui facevo una sorta di analisi delle varie partite. Come avevo già anticipato, questo genere di articoli mi portavano via tempo e a partire da un certo momento in poi ho avuto problemi a gestirlo a causa degli allenamenti per la Spartan Race, interrompendo “l’esperimento” dopo la 27a Giornata.

Oltre a questo c’è il fatto che gran parte del volume degli articoli usciti sul blog nei mesi della Serie A era occupato proprio dalla mia passione calcistica, più che quella legata alle serie tv, Spartan Race e videogiochi.

Per chi mi segue per ragioni differenti, questa disparità poteva creare periodi particolarmente noiosi in cui il calcio la faceva da padrone, mentre gli altri argomenti latitavano un po’.

Anziché decidere di eliminare la sezione ho deciso di ritagliare uno spazio apposito sul web che parla della mia squadra, creando il sito Forma Toro, in cui, giornata per giornata stilo le classifiche (operazione che mi occupa meno tempo rispetto all’analisi) e aggiungo quelle reperite sul web da altri siti calcistici filo-granata (o anche no) come la Gazzetta dello Sport o Toro News.

Periodicamente sarà la volta di questi articoli di riepilogo per fare il punto della situazione, rivivendo alcuni dei passaggi chiave della stagione.

CLASSIFICA

clasif1

Dopo gli ultimi due incontri in casa contro Roma e Fiorentina, la classifica è tornata a sorridere portando il Torino al 7° posto (11 punti) a pari punti con Genoa e Inter, a 7 punti dalla vetta, con la possibilità di agganciare il Napoli a 14 punti, in seconda posizione.

Facendo un parallelo con gli anni precedenti sotto l’insegna del tecnico Ventura, possiamo dire che ci troviamo in una situazione piuttosto rosea.

ANNO PUNTI GOL FATTI GOL SUBITI
2014/2015 8 5 7
2015/2016 11 12 8
2016/2017 11 13 8

Come ricorderete l’avvio dei granata nello scorso anno fu un argomento di discussione di molte testate giornalistiche e programmi tv legati al mondo del calcio. La partenza sprint del Torino, unita al momento negativo di alcune “big” (Juventus in primis) sembrava quasi puntare verso un epilogo eccezionale. Quest’anno la squadra raggiunge gli stessi risultati dello scorso anno, con un gol in più all’attivo. Tenendo questo ritmo i presupposti per costruire una buona stagione ci sono tutti. Meno appariscente l’anno 2014/2015 in cui la forte crisi in fase offensiva rese tutto più complicato (0 gol fatti nelle prime tre giornate).

GLI INCONTRI

La striscia delle prime 7 gare ha visto 4 incontri in casa e 3 in trasferta. Seguendo quello che è l’idea del tecnico Sinisa Mihajlovic, ovvero quella di far diventare lo stadio Grande Torino “una fortezza inespugnabile”, la squadra si è fatta onore vincendo 3 partite su 4 contro Bologna (5-1), Empoli (0-0), Roma (3-1) e Fiorentina (2-1). In particolare questi ultimi due sono stati indice di un ottimo calcio, costellato di occasioni e buone giocate.

Dall’altro lato abbiamo le 3 trasferte contro Milan (3-2), Atalanta (2-1), Pescara (0-0), molto più negative. Tolta la prima partita contro il Milan, giocata bene da entrambe le formazioni e , le sconfitte di Atalanta e il pareggio di Pescara sarebbero potute andare meglio. Nelle prossime giornate ci sarà molto da dimostrare fuori dalle mura amiche.

I TOP

TURIN, ITALY - AUGUST 28:  Andrea Belotti of FC Torino celebrates his third goal during the Serie A match between FC Torino and Bologna FC at Stadio Olimpico di Torino on August 28, 2016 in Turin, Italy.  (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Chi si è distinto di più in questa prima fase sono gli attaccanti. Qui di seguito le valutazioni medie dei giocatori: Belotti (7.5), Iago Falque (7.3), Ljajic (6.8), Boye (6.7). Solo loro quattro firmano 11 dei 16 gol fatti fin’ora dalla formazione granata. La valutazione di Ljajic è purtroppo limitata dato che ha potuto disputare ancora poche prove a causa dell’infortunio, ma da adesso in avanti vedremo il vero Adem in azione!

I FLOP

Foto LaPresse - Fabio Ferrari 28/11/2015 Torino ( Italia) Sport Calcio Torino Fc - Bologna Fc Campionato di Calcio Serie A TIM 2015 2016 - Stadio Olimpico di Torino. Nella foto:Maxi LopezÊ Maximiliano Gaston ( Torino Fc ) Photo LaPresse - Fabio Ferrari 28 November 2015 Torino ( Italy) Sport Soccer Torino Fc - Bologna Fc Italian Football Championship League A TIM 2015 2016 - Olimpic Stadium of Turin. In the pic:Maxi LopezÊ Maximiliano Gaston ( Torino Fc )

…Chi invece sta faticando a tenere il ritmo della formazione è Valdifiori (5.5), Maxi Lopez (5.5) e Obi (5.7). Fra questi è giusto citare nello specifico, l’attaccante per via dei problemi di peso, un incubo già visto che ha messo in difficoltà la società, già decimata dagli infortuni. Non una grande prestazione anche per Aramu (5.0), chiamato a sostituire gli infortunati. Avrà modo di rifarsi nel corso della stagione. Non è ancora tempo per lui.

HIGHLIGHTS

E ora gli eventi principali di queste prime 7 partite

Gli infortuni

Sono tanti anche quest’anno e colpiscono senza pietà, a volte per sola sfortuna. Ljajic, Belotti, Martinez, Maxi Lopez, Padelli, Zappacosta, Ajeti, Obi, Baselli e adesso Molinaro, colpito e affondato. Non ci si aspetta un suo ritorno prima di sei mesi a causa del crociato. Sembra che le situazioni vadano via via migliorando e si potrebbe pensare che il turno di sfiga si sia quasi concluso, ma è meglio non abbassare la guardia…

L’arrivo di Hart

E’ stato uno degli ultimi colpi di mercato di quest’anno: Hart, portiere titolare della nazionale inglese, in prestito secco al Torino. Padelli in panchina. Già durante la fase di ritiro Mihaljovic aveva fatto intendere che il ruolo di portiere titolare era messo in discussione e a turno i tre portieri si erano dati battaglia cercando di prevalere l’uno sull’altro salvo poi vedere Padelli ancora in cima alla graduatoria. Tutto è cambiato nel momento in cui il top player ha raggiunto Torino ed è subentrato fin da subito come titolare. Ora, dopo qualche partita di rodaggio (con anche qualche papera) sembra che abbia trovato l’assetto giusto per tenere la porta immacolata.

La questione Maksimovic

Un’altra questione che ha tenuto banco in fase di calciomercato è stata ovviamente la telenovela Napoli/Maksimovic/Torino, rispettivamente l’amante, il marito e la moglie. Dopo un primo momento in cui sembrava che il nuovo tecnico e il giocatore si fossero messi d’accordo per un adeguamento di contratto in cambio della completa disponibilità del difensore centrale, tutto è cambiato. Maksimovic torna in Serbia senza preavviso e non si presenta più agli allenamenti. Il tecnico lo da per morto ma il Torino non cede alle offerte del Napoli. Arriva l’ultimo giorno di mercato e alla fine il Torino accetta, circa 26 milioni da incassare il prossimo anno, ma ecco che inizia la parte incredibile della storia. Mancano sei ore alla chiusura del mercato e Maksimovic è bloccato in areoporto, a Francoforte, per un allarme bomba che ha paralizzato il traffico aereo. Nikola sarà costretto a prenotare un volo privato per arrivare in tempo a Roma, dove lo attende il club. Non avrà il tempo neanche di sostenere le visite mediche. Diventerà ufficialmente giocatore del Napoli a pochissimo dalla scadenza

L’espulsione di Mihajlovic

Durante la trasferta di Bergamo Sinisa va incontro alla prima sconfitta di stagione e alla sua prima espulsione dal campo che gli costerà la panchina anche per la partita successiva. Questo nervosismo si percepirà anche nel gioco del Torino.

Doppia Espulsione

Legato al nervosismo, arrivano i primi cartellini rossi, a pioggia! Il Torino chiude in 9 la trasferta di Pescara, nonostante tutto a reti inviolate e con un palo di Belotti, appena tornato dall’infortunio. Acquah e Vives i due giocatori che lasciano il campo prima del termine.

#40Totti e tripletta di Bacca

E’ giusto applaudire anche gli avversari quando se lo meritano e quindi è giusto fare i complimenti a Totti che prima del suo 40esimo compleanno segna il suo 250esimo gol in Serie A proprio contro il Torino, su rigore e la tripletta di Bacca, il primo marcatore di quest’anno a fare tre gol in una partita che oltre al pallone si porta a casa i tre punti.

Benassi Capitano

Uno delle inevitabili conseguenze di uno stravolgimento così profondo nella squadra si è visto nella fascia di capitano che ha visto diversi uomini in sostituzione dell’eterno e statuario Glik. Fra i diversi che hanno indossato la fascia anche il giovane Benassi che per l’occasione segna anche un gol, contro la Fiorentina. Durante la conferenza stampa con Mihajlovic uno dei giornalisti ha posto la questione al tecnico per sapere la sua idea in merito alla fortuna del 22enne e con semplicità liquida la questione dicendo:

“Non è facile alzarsi ogni mattina alle 4, 4 e mezza andare a lavorare alle 6, fare tutto il giorno e non arrivare a fine mese. Questo non è facile. Questo deve essere un piacere ed essere orgoglioso che ha 22 anni è giocatore del Torino, è capitano del Torino, oggi ha fatto pure gol. E’ una persona fortunata come tutti noi che facciamo questo mestiere.”

Lascia un commento